Seguici su Facebook!

Cos’è l’airbag per ciclisti

16 settembre 2016
Cos’è l’airbag per ciclisti

Tutti noi conosciamo l’airbag, quel dispositivo che se sollecitato da un colpo nelle macchine scatta e può in effetti salvarci la vita.

Calibrato al millesimo per i colpi, studiato nei minimi particolari per proteggere chi viaggia nell’auto tanto da diventare dopo 30 anni di collaudo finalmente obbligatorio, l’airbag è in effetti un utilissimo strumento ad affiancarci nelle nostre gite in macchina.

Ma quando non siamo chiusi al sicuro in macchina e siamo in giro in bici? Ecco che qualche anno fa è nato l’airbag per ciclisti o caschetto invisibile.

Era il 2005 due studentesse svedesi Anna Haupt e Terese Alstin, studentesse di Industrial Design all’Università di Lund ebbero la prima intuizione accortesi dei dati preoccupanti di incidenti in bicicletta, dove ad aver la peggio era proprio il ciclista, hanno ben pensato di inventare un casco invisibile, una sorta di scalda collo se non ci si fa caso, che se sollecitato da una caduta o un colpo si apre come un bozzolo proteggendo la testa del ciclista.

Prevpagina 1 di 3Next

Chi

Due studentesse svedesi Anna Haupt e Terese Alstin, studentesse di Industrial Design all’Università di Lund.

Commenti da Facebook

Commenta l'articolo

Commenti dal Blog

Lascia un Commento sul Blog

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *