Seguici su Facebook!

Cos’è lo shatush

7 febbraio 2013
2
Cos’è lo shatush

Lo shatush è una tecnica di decolorazione dei capelli che si differenzia rispetto agli altri metodi utilizzabili nella fase di applicazione del prodotto decolorante.

Infatti, a differenza delle meches, non si applica in maniera uniforme alle singole ciocche, ma il colore viene distribuito solo sulle punte e nella parte finale del capello.

Questa tecnica è l’ideale per chi è alla ricerca di un risultato naturale e per chi vuole dare un tocco di luminosità ai propri capelli. Inoltre, lo shatush permette anche di uniformare il colore in quelle persone che presentano differenze evidenti tra le radici e le punte.

I capelli vengono prima cotonati e successivamente viene applicato il colore sulle lunghezze, in piccola quantità e fino a tre toni più chiaro rispetto al colore base di partenza.

Questi colpi di sole sono ottimi sia sui capelli chiari che sui capelli castani o scuri, inoltre garantiscono un ottimo risultato sia sui capelli lisci che su quelli ricci.

A differenza delle classiche meches e colpi di sole, lo Shatush è una tecnica che rende il colore dei capelli multisfaccettato e cangiante, lasciando le radici totalmente brune o castane.

Questo nuovo hairstyle, infatti, consiste nello schiarire soltanto la parte inferiore dell’intera chioma o alcune ciocche tanto sottili da essere quasi invisibili, questo permette così, a differenza dei colpi di sole di intervenire sui capelli meno frequentemente in quanto non vi è ricrescita, questo sicuramente è ottimo per non rovinare troppo il capello con la decolorazione.

Autore:

Laurea in Culture e Tecniche della moda Blogger per vocazione affascinata dai colori, tessuti e dalle nuove tecnologie

Commenti dal Blog

Lascia un Commento sul Blog

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>