Seguici su Facebook!

Cos’è il lago dell’arcobaleno

3 Giugno 2019
Cos’è il lago dell’arcobaleno

Questo week end sono stata a fare una passeggiata in Val d’Ega in Trentino e ho scoperto uno splendido luogo che mi ha davvero affascinato e incantato, per un attimo mi è sembrato di vivere in una fiaba.
Dovete sapere che immerso nel silenzio e nella pace del bosco, si trova un piccolo lago alpino caratterizato da acqua smeralda, che grazie ai colori riflessi nella luce del sole è stato sopprannominato “Lago dell’Arcobaleno”, anche se il suo vero nome è lago di Carezza.

Il suo nome è legato ad una bellissima leggenda che racconta di una  sirenetta che  viveva nelle profondità del Lago, della quale si innamorò il mago Masarè.

Per conquistare il suo amore, la strega Lanwerda consigliò al mago di travestirsi da venditore di gioielli e di creare con questi un arcobaleno dal Catinaccio fino al Latemar.

Al mago piacque l’idea e fece sì che l’arcobaleno splendesse nei suoi magnifici colori. Ma dimenticò di travestirsi così la sirenetta lo vide quindi e da quel momento in poi si immerse per sempre nel lago e non si fece più vedere. Il mago fu così infuriato, che buttò tutti i gioielli nelle acque del lago e proprio per questo, ancora oggi il Lago di Carezza brilla magicamente in tutti i colori dell’arcobaleno.

Il lago è privo di immissari visibili, ma viene alimentato da sorgenti sotterranee che portano l’acqua dalle cime del Latemar. Il livello d’acqua varia di continuo e secondo la stagione: normalmente in tarda primavera raggiunge il livello più alto con 22 m di profondità, a causa dello scioglimento delle nevi della montagna, in ottobre invece il livello più basso con appena 6 metri. D’inverno invece, il “Lago delle Favole delle Dolomiti” è ghiacciato e coperto con uno strato di neve che lo rende affascinante.

Prevpagina 1 di 2Next

Autore:

Laurea in Culture e Tecniche della moda Blogger per vocazione affascinata dai colori, tessuti e dalle nuove tecnologie

Commenti da Facebook

Commenta l'articolo

Commenti dal Blog

Lascia un Commento sul Blog

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *