Seguici su Facebook!

Cos’è l’equity crowdfunding

10 Marzo 2016
Cos’è l’equity crowdfunding

Da quando il crowdfunding ha fatto capolino in Italia, le istituzioni hanno dovuto includere anche questa innovativa fonte di finanziamento fra i loro pensieri e procedere ad una regolamentazione della cosiddetta raccolta fondi digitale.
Con la nuova delibera della Consob, infatti, sono stati regolamentati tutti gli aspetti del crowdfunding, in modo tale da avere una legislazione che possa garantire equità a tutto il settore.

Che cos’è il crowdfunding

Per chi ancora non lo sapesse, il crowdfunding è un vero e proprio sistema di raccolta fondi che, al raggiungimento di un certo payout, permette ad una start-up di avviare la propria attività commerciale.
Chi investe nei diversi progetti italiani promossi dalle piattaforme di crowdfunding, ottiene in cambio qualcosa: da quote azionarie alla possibilità di ricevere regali o prodotti a prezzi scontati.Tutto, ovviamente, dipende dal progetto e dalle modalità della raccolta fondi. Ed è proprio per tutte queste particolarità che la Consob ha deciso di promuovere una legge in grado di definire meglio la questione del crowdfunding.

L’equity crowdfunding

L’equity crowdfunding è il nuovo regolamento atto a stabilire i criteri della raccolta fondi digitale. Tale legge, inoltre, ha avuto il compito di rendere più snello il sistema procedurale del crowdfunding e di definire meglio la platea degli investitori che possono partecipare ai progetti. Fra le tante novità promosse dall’equity crowdfunding, la più interessante è senza dubbio la riduzione dei costi di partecipazione: una novità che ovviamente andrà ad interessare anche i piccoli investitori che, nella maggior parte dei casi, non avrebbero potuto accedere a questa innovativa forma d’investimento.Da questo punto di vista, va anche specificato che l’Italia, pur non essendo esattamente la nazione del crowdfunding, è stata comunque la prima a promuovere un piano di legislazione per la raccolta fondi per start-up. Adesso non resta che attendere l’ufficialità dell’equity.

Le alternative al crowdfunding

Ma il crowdfunding non è certo l’unica via innovativa per finanziare la propria attività. Oltre al gioco della raccolta fondi con capitali di rischio, che comunque in Italia non rappresenta ancora un sistema ampiamente testato, vi è anche la possibilità di richiedere finanziamenti senza garanzie: come viene spiegato in questa pagina, questi sono una grande opportunità per chiunque avesse bisogno di un piccolo capitale iniziale per far partire la propria attività, senza per questo dover necessariamente esibire la garanzia di uno stipendio.

Il futuro del crowdfunding

Il crowdfunding è destinato ad avere un futuro roseo in Italia, anche se ogni previsione potrebbe risultare azzardata: trattandosi di un sistema non sufficientemente testato qui da noi, se non per progetti di piccola taglia, rimane comunque un’incognita.

Autore:

Laurea in Scienze della Comunicazione Pubblica e Organizzativa. Giornalista freelance appassionato di Web, tecnologia e Nuovi Media.

Commenti da Facebook

Commenta l'articolo

Commenti dal Blog

Lascia un Commento sul Blog

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *