Seguici su Facebook!

Cos’è lo smart work

8 Ottobre 2015
Cos’è lo smart work

Avrete sicuramente sentito parlare sempre più spesso di un nuovo modo di lavorare, viene definito in Italia telelavoro ma il termine più usuale è l’inglesismo smartworking. Se cerchiamo di tradurre la parola vediamo che smart è intelligente o furbo e working è lavorare, quindi lavorare in modo furbo e intelligente, questa è la nuova frontiera nel mondo del lavoro già adottata da molti per affrontare i risultati di una crisi che ha investito le imprese.

Ma di cosa si tratta in realtà e quali sono i veri vantaggi?

Il concetto di smart working nasce per coniugare due necessità fondamentali: da una parte l’abbattimento dei costi legati alla produttività, dall’altra un approccio più flessibile al lavoro e alla sua organizzazione. I benefici sono sia per l’impresa, che per il lavoratore.

Praticamente si cerca di riorganizzare il lavoro facendo leva sulle nuove tecnologie permettendo così al lavoratore di superare i limiti fisici e temporali, cioè utilizzando gli strumenti “intelligenti” smartphone, tablet, pc, video, accessi in remoto, il lavoratore può effettuare il suo lavoro anche da casa senza necessariamente recarsi in ufficio, questo permette di abbattere i costi per l’azienda e permette al lavoratore di gestire il proprio tempo in maniera più remunerativa.

Prevpagina 1 di 2Next

Autore:

Corrispondente in lingue estere Educatrice per l’infanzia - Puericultrice Consulente educativo appassionata di cucina, viaggi e moda

Commenti da Facebook

Commenta l'articolo

Commenti dal Blog

Lascia un Commento sul Blog

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *