Seguici su Facebook!

Cos’è un polder

8 aprile 2019
Cos’è un polder

Chi di voi è stato nei Paesi Bassi?

Credo in molti e quanto vi sono rimasti nel cuore i paesaggi di questa terra, i mulini, i campi colorati di tulipani e i piccoli villaggi che sorgono tra gli intrecciati tra canali d’acqua? Forse non sapete che i Paesi Bassi hanno questo nome poiché una vasta parte del loro territorio si espande al di sotto del livello del mare. 

Per sottrarre al mare le terre necessarie all’agricoltura e necessarie ad una crescente popolazione gli olandesi  costruito dighe e canali via via più grandi e ingegnosi e i terreni così bonificati si chiamano polder.

Le tecniche usate per realizzarli sono andati perfezionandosi nel corso del tempo ma iniziarono sin dal medioevo. All’inizio si costruivano dighe per proteggere i terreni dalle inondazioni; più tardi sono stati utilizzati i primi mulini a vento, che usavano la forza del vento per far funzionare le pompe con cui aspirare l’acqua.
Queste “pompe idrovore”, usate ancora oggi, sono più efficaci e potenti perché funzionano con l’elettricità.

Prevpagina 1 di 2Next

Autore:

Laurea in Culture e Tecniche della moda Blogger per vocazione affascinata dai colori, tessuti e dalle nuove tecnologie

Commenti da Facebook

Commenta l'articolo

Commenti dal Blog

Lascia un Commento sul Blog

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *